venerdì 13 gennaio 2012

Sicilia, cellulare gratis per deputati, parenti e amanti

Per un'intera legislatura, dal 2001 al 2006, ben 700 persone hanno usufruito delle schede telefoniche pagate dall'Assemblea regionale siciliana, date ai deputati dell'Ars, che a loro volta le hanno girate ad amici, parenti e persino a qualche amante. La truffa sarebbe durata anche per un periodo successivo al 2008 (per molti a mandato scaduto), anno in cui il presidente dell'Assemblea siciliana, Francesco Cascio, insospettito dalla richiesta della Tim di avere 300 mila euro per chiamate effettuate tra il 2007 e il 2008, bloccò tutto.

INDAGA LA PROCURA - Adesso la Procura - secondo quanto scrive Repubblica sull'edizione locale di Palermo - indaga sulla vicenda, scoperta per caso dai carabinieri di Monreale che stavano investigando su altro: alcuni contatti telefonici di Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo. Il Pm Gaetano Paci e l'aggiunto Leonardo Agueci hanno già sentito alcuni dirigenti dell'Ars.

350 EURO AL MESE PER LE TELEFONATE - I 90 deputati dell'Ars, le cui indennità sono equiparate a quelle dei senatori, hanno in busta paga un rimborso mensile di 350 euro per le telefonate, "ma ancora oggi - dice Cascio - stiamo cercando di capire a chi erano state date quelle schede, perchè alcuni deputati non ci hanno mai risposto".

Fonte: affaritaliani.libero.it

4 commenti:

  1. Quali sono gli "onorevoli" coinvolti ?

    RispondiElimina
  2. Sulla vicenda interviene il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Francesco Cascio: “Nemmeno un euro è stato speso dall’Assemblea regionale siciliana per questa vicenda dei cellulari dei deputati segnalata da Repubblica. La convenzione con la Tim a cui si fa riferimento, dopo alcune indagini interne, è stata chiusa dai nostri uffici già nel 2010 e senza alcun costo per l’Ars. E anche nel corso della convenzione, le bollette telefoniche associate alle sim erano addebitate ai deputati stessi, sulle loro buste paga. Inoltre, ad oggi, sono stati ridotti al minimo indispensabile gli interventi dell’amministrazione nella gestione della spesa telefonica dei deputati.”


    In teoria sono coinvolti tutti i 90 deputati dell'Ars . . .

    RispondiElimina
  3. Sarebbe il caso di individuare quelli che hanno fatto usare il cellulare ad amici e parenti.

    RispondiElimina
  4. Si, ha ragione.

    Sommessamente mi chiedo: chissà quante altre cose hanno fatto e fanno all'insaputa di noi cittadini.

    Ed io pagooo :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...